Social Media Trends 2017: le novità – NAI Creative Lab
Vedi tutti i post

Social Media Trends 2017: le novità

25 Mag 2017 / by naicreativelab / In Social / Lascia un commento

Social Media trends 2017, ovvero: quali saranno le tendenze social per l’anno che sta arrivando? C’è chi professa ancora la morte dei blog (morti e resuscitati almeno 10 volte nell’ultima decade), chi l’addio di Twitter, chi addirittura nuovi standard video. Ma quali saranno le leve da utilizzare per trovare nuove opportunità di business online? Ne abbiamo individuate cinque.

Social media ancora da sfruttare

Secondo un recente studio del ConsumerLab di Ericsson una persona su tre (e una su cinque in Italia) vede i social media come dei container densi di informazioni e spunti. Addirittura il 25% degli intervistati dà più peso alle opinioni dei propri contatti rispetto a quelle dei politici e quasi il 60% degli italiani orienta i propri acquisti anche in base al confronto online con gli altri utenti. I social rimangono quindi ancora un terreno fertile per le aziende che vogliono entrare in comunicazione con i consumatori, ma sicuramente non basta “esserci”, bensì “come essere presenti”. Sebbene affascinati dalle logiche dello storytelling, gli utenti sono sempre più consapevoli del proprio “potere d’acquisto” e pretendono un dialogo aperto.

Social media trends e Mobile

Ci sono quasi 5 miliardi di persone che hanno smartphone. Questo significa che il numero di dispositivi mobili ha abbondantemente superato quello dei pc. E che qualsiasi strategia si voglia pianificare deve tenere conto di questo aspetto: Internet è sempre più concentrato nelle nostre mani, a “un passo dal touch“. Questo aspetto è già stato preso in considerazione dai grandi player del digital e del social come Facebook – che penalizzerà i siti che impiegano troppo tempo ad aprirsi via mobile – e Google. E quindi sì ai siti responsive, meccaniche digitali coinvolgenti sia a livello visivo che pratico, user experience orientata ai dispositivi in gioco. Senza dimenticarci che il cellulare è sempre più “second screen”: sono ormai migliaia le persone che utilizzano il proprio dispositivo durante la visione di film, show o talent che siano.

Intelligenza artificiale e chatbots… nei social?

Come riporta Il Sole 24 Ore, “in Italia una persona su 5 vorrebbe un’assistente avanzato per rispondere alle email, trovare notizie online e aggiornare i propri profili social”. Questa considerazione forse basta ad aprire diversi scenari interessanti nei social media trends, ma se ci aggiungiamo anche lo sviluppo delle applicazioni automatizzate – come i chatbots – e il numero crescente di utenti attivi nelle applicazioni di messaggistica, il quadro diventa più completo. Quasi tre miliardi di persone utilizzano app per scambiarsi messaggi, che sia WhatsApp, Facebook Messanger o Telegram. Quella dei chatbots è un’occasione utile per le aziende di investire in una tecnologia utile per intercettare gli utenti e coinvolgerli, o anche solo per esercitare un customer care più profilato o individuare offerte ad hoc per un efficace sell out.

Video, sempre più video nei social media

Non è un caso se Facebook, Twitter e Instagram stiano spingendo i video in diretta. Come non lo è che su WhatsApp sia possibile fare una videochiamata. E come non lo è ancora la gestione dell’advertising online, sempre più orientato a coinvolgere gli utenti attraverso dinamiche video. Senza contare tutte le varie applicazioni che permettono l’editing dei video registrati, anche direttamente su piattaforma… o le tecnologie a essi correlati, come i recenti Snapchat Spectaclestecnologia indossabile che permette agli utenti di registrare video e pubblicarli direttamente su Snapchat perché connessi via bluetooth o Wi-Fi. Sebbene qualcuno abbia già decretato il 2016 come “l’anno dei video”, il 2017 non si discosterà molto da questo trend, anzi, forse sarà un’occasione in più per sfruttare ciò che si è imparato l’anno precedente.

E l’Influencer Marketing dove lo mettiamo?

Qualcuno lo definisce l’ennesima “bolla di Internet”, ma di sicuro c’è che gli influencer sono ancora oggi molto richiesti nelle strategie online, soprattutto quando siamo a contatto con i social media. Ma chi sono e cosa fanno questi benedetti influencer? Non si tratta di supereroi, ma di persone che grazie ad un riconosciuto know-how e una rilevante esposizione diventano punti di riferimento per un gruppo più o meno ampio. C’è chi ne ha scritto un libro. L’influencer non è solo un megafono, ma forse un “media” all’interno di un altro “media”, una risorsa che permette a qualsiasi società di raggiungere determinati target che forse farebbe fatica a intercettare da sola o con la semplice logica dell’advertising. Che sia più o meno una bolla, poco importa, perché nel 2017 sarà ancora tra i social media trends da tenere in considerazione.

Tuo commento

Vedi tutti i post